UN ROMANZO DALLA SCRITTURA STILIZZATA E FINALE NOIR

copertina libro Nove Periodico

Nove Periodico è il romanzo di esordio di Federico Li Calzi, edizioni Cerrito pubblicato nel 2014 dopo le 10mila copie vendute di Poetica Coazione e Dittologie Congelate. L’opera questa volta metterà insieme i due altisonanti nomi del panorama nazionale critico e universitario Nuccio Mula ed Enrico Testa che firmano l’appendice critica. Il romanzo suscita fin da subito curiosità e interesse, non soltanto nei suoi abituali estimatori ma anche in una nuova fascia di lettori.

Il libro attraversa i cambiamenti e le metamorfosi socio/economiche e culturali della Sicilia nei primi anni Ottanta raccontando come le mutazioni e il progresso tecnologico venivano recepite da quella società e mentalità contadina. Il tutto partendo dai primissimi ricordi dell’infanzia conditi da fantasia e dalle sue aspirazioni dell’autore.

L’idea è stata quella di creare un personaggio che (almeno) nel romanzo esaudisse il sogno di diventare un musicista di successo. Assistiamo di fatto allo sdoppiamento dell’autore: Mauro per metà e, per l’altra metà, l’amico Ntonio (due facce della stessa medaglia), ma in parte, e non in maniera marginale, anche del ragazzino Luca, figlio di Ntonio. Nell’excurrere testuale è facile notare come il “romanzo sia costruito su diversi livelli che interessano sia la forma che il contenuto” (L. Carrubba).

Predomina il tema del ritorno alle radici, con un tono nostalgico ed un linguaggio lirico. Ma tratta anche il tema dell’infanzia, della giustizia, della malavita, che si conclude con un avvincente enigma poliziesco in cui l’autore, “con una messinscena sottile ed implacabile, punisce i responsabili” (Enrico Testa).

UNA COPERTINA CHE E’ ANCHE IL SENSO DEL LIBRO

La copertina, a cura di Giancarlo Gallo, raccoglie ed esprime l’archetipo profondo e generale di questo libro: rappresenta, contemporaneamente, il bambino Luca, che è una delle chiavi di lettura, e il protagonista Mauro che, come Luca, ha vissuto l’infanzia in quella stessa terra con la speranza di andare via per trovare il successo. L’immagine del bambino che vuole scavalcare rappresenta il desiderio di scoprire ma anche quello di voler partire simboleggiato da quella traversa di ferrovia che fa da recinto.

Per richiedere la copia autografata scrivere a federicolicalzi@virgilio.it

Vai alle recensioni.

 

ACQUISTA